Sorry, your browser doesn't support Java(tm).

Image by FlamingText.com

   

Il Seminarista è un giovane chiamato da Dio ad abbandonare le vanità della vita per ritirarsi in un luogo di formazione spirituale chiamato Seminario: il campo dove il Maestro Divino sparge il buon seme, affinché i giovani ivi radunati lo raccolgano e lo facciano fruttificare nel giardino del loro spirito.

Il Seminarista è seguito da esperti formatori, scelti dal Vescovo a tale scopo. Essi si preparano nella formazione teologica attraverso la Bibbia, le Sacre Scritture, il Vangelo e quei consigli personali che il Padre Spirituale, come loro Guida, dà a ciascuno di loro.  

 

Cortona - Casa di Esercizi Spirituali

 

Scrivo questo articolo perché il Signore mi ha dato la possibilità di vivere in mezzo a molti di essi nell'Istituto da me fondato, dove ho avuto la gioia di seguirli ogni giorno fino al loro Sacerdozio.

 

Via Nulvi - Roma - Studentato Intercontinentale Missionari della Fede

 

Sento per questo il dovere di far presente che ai chierici, tante volte, nei Seminari, manca la formazione umana: la gentilezza, la delicatezza, il buon esempio di vita, lo scambio di linguaggio in discorsi costruttivi, e, soprattutto l'ordine che è la virtù indispensabile per vivere bene insieme, e per prepararsi al Sacerdozio, sia in una vita privata che comunitaria. La vita comunitaria è, generalmente, la vita religiosa, mentre la vita privata è quella diocesana, che poi anch'essa si conclude in vita comunitaria parrocchiale: non il vivere insieme giorno e notte, ma il trascorrere le giornate insieme, il lavoro insieme a servizio dei fratelli.

 

Cortona - (Ar)

 

 

 

 

 

 

 

 

Refettorio della casa di Varazze

 

Il Formatore deve saper trasformare il giovane in un figliolo umile, docile, abbandonato alla volontà di Dio nelle grandi e piccole cose. Deve assicurare che il dormitorio sia ordinato e pulito, così pure gli armadi personali e comunitari, deve insegnare molto, e con pazienza saper far rifare il letto fatto male, far cambiare il lenzuolo sporco, e ordinare che le finestre stiano a lungo aperte, affinché non abbiano ad annidarsi cattivi odori. Il profumo dell'ambiente prepara alla purezza interiore, così pure l'ordine e la pulizia degli abiti e scarpe personali. Le chiese, le cappelle, poi, devono essere ordinatissime e profumate, così pure i vasi e i  paramenti sacri.

 

Casa Religiosa delle Missionarie della Fede - Cappella - Castel Porziano - Roma

 

 

 

 

 

 

 

 

Casa di Varazze

 

 

Il Formatore sia un buon organizzatore e distribuisca tra i ragazzi i lavoretti della giornata: come la pulizia dei servizi igienici, dove si raccomanda non vi sia disordine e cattivo odore, il giardinaggio, dove si impara la pazienza nel raccogliere le foglie secche dei fiori, e quelle che cadono dagli alberi.

Da come un Seminarista risponde ai comandi ed ai consigli, si capisce se ha vera vocazione e da quali virtù è posseduto.  

 

Gavi Ligure (Al) Seminaristi impegnati in lavori di ampliamento della Casa di Esercizi Spirituali

 

Nella formazione v'è da imparare arti e mestieri, perché anche il Prete è un uomo, e gli può capitare tante volte di trovarsi solo, e, come già è successo, si scoraggia e brontola verso chi l'ha formato male e non gli ha insegnato quelle cose indispensabili alla vita di ogni giorno.

Certo, anche il Formatore deve imparare prima di insegnare.

Se nella formazione dei chierici si arriverà a dare un po' di formazione umana, i Preti saranno migliori, ci sarà meno superbia, meno egoismo e disinteresse.

 

Gavi

 

Nelle mie comunità ero riuscita a creare la stanza della sartoria con degli addetti scelti tra quei Seminaristi più portati all'ordine. Sembra che l'uomo non impari a cucire, ma a me è risultato diverso. Certo, se in un Seminario non esiste una donna, se ne può assicurare una per un periodo come insegnante, almeno per la lavanderia e per la sartoria, ma in pochi giorni i giovani intelligenti imparano, basta acquistare loro qualche macchina da cucire, e poi fanno a gara. Che bello fare tutto in famiglia, che intimità, che gioia: i compagni che bussano alla porta coi calzoni rotti, e quelli che tornano coi calzoni stirati.

Il Formatore osserva, e gode di questa ottima organizzazione. Anche il Vescovo sarà molto contento.  

 

Via Nulvi - Roma - Casa di formazione dei Missionari della Fede - Seminaristi impegnati nel riordino della cucina
 

Poi la cucina: ci devono essere dei giovani scelti a tenere in ordine la cucina, a segnalare al responsabile quello che manca, cibo e utensili. I giovani solitamente arrivano in cucina incapaci di tutto, ma presto si industriano. Io posso veramente dire che hanno cucinato, tante volte, meglio delle donne.  

 

Varazze - casa di Vacanze - ottimi cuochi!
 

Tutti questi lavoretti fanno parte della formazione umana e sono indispensabili  perché un domani non venga ordinato Prete un povero uomo, che ha molto studiato ma che, in pratica, sa fare niente. Chi non sa lavorare difficilmente sa obbedire e sa anche organizzare per la Parrocchia e per le opere pie che gli vengono affidate. Il lavoro è un grande artefice dell'uomo.

Il Prete deve essere un uomo perfetto. La perfezione sta nel saper fare tutte le cose, almeno quelle che necessitano per vivere meglio le proprie giornate.  

Padre Dante - laborioso Padre Missionario

 

Come c'è l'ora della ricreazione ci devono essere anche le ore del lavoro, altrimenti, quando quel Prete predicherà, non toccherà le anime. Le sue parole saranno belle, dal pulpito apparirà l'uomo della scienza, ma, siccome di umiltà ne avrà poca, i suoi ammonimenti entreranno da un orecchio e usciranno dall'altro.

 

 

Tennis da tavolo - Varazze

 

 

 

 

 

 

 

 

Via Nulvi - Scuola

 

Ripeto: vi dico queste cose perché sento il dovere. Diversi dei Sacerdoti che io ho formato insieme coi loro Formatori, perché Fondatrice, hanno aperto delle case missionarie nei vari Continenti, e, giunti sul luogo della missione, prima di cominciare a predicare, han cominciato a lavorare, ad aggiustare, addirittura, le cappelle, le chiese e anche la casa del Vescovo. Durante il lavoro pregavano, e pregavano sodamente.

Partenza dei primi Missionari indiani per l'India

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Partenza dei primi Missionari samoani per le Isole Samoa

 

Nella formazione la preghiera deve occupare il primo posto, direi ancora prima dello studio. Senza preghiera e senza silenzio non si apprendono nemmeno le nozioni più semplici, non si progredisce nella via dello spirito, ma si rimane dei poveri fantocci che credono d'essere e di diventare, ma rimangono sempre un nulla. Il silenzio nobilita lo spirito, fa innamorare di Cristo e delle Sue virtù, rinvigorisce la sete di anime.

 

Missionario in preghiera
 

Si raccomanda una buona Direzione Spirituale e la Confessione frequente. Nella formazione bisogna comunicare al Seminarista quanto è bello lavorare insieme. "Perché dove sono due o tre riuniti nel mio nome io sono in mezzo a loro" dice il Signore (Mt 18,20).  

Via Nulvi - Concelebrazione con il Fondatore P. Luigi Duilio Graziotti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Via Laurentina - Roma - Processione nella Festa della SS.ma Trinità

 

Il Seminarista deve essere disposto a continuare la vita comunitaria anche quando sarà Sacerdote, con i suoi compagni; però, per arrivare a questo, deve essere preparato negli anni del Seminario, durante la sua formazione religiosa - umana. Se sarà ben preparato sarà lui stesso che chiederà al Vescovo: "Mi piacerebbe far comunità con altri Preti".

Così facendo le Diocesi andranno meglio, e i Sacerdoti non patiranno la solitudine, il cosiddetto "sconforto della vita".

 

Via Nulvi - Giornata di festa tra i Missionari della Fede

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Via Nulvi - insolita neve a Roma

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Relax a Varazze

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Conclusione dell'anno scolastico

E' meraviglioso entrare in una comunità anche parrocchiale, e vedere un Sacerdote col grembiulino da cucina a fare la minestra: "Devo far presto perché mi aspettano in confessionale", vederne uno scopar le scale, un altro ad aggiustare un filo della luce e così via…. Che bello! In Seminario hanno imparato tutto.

 

Padre Sandro Paiella - uno dei primi Missionari della Fede impeganto in semplici lavori domestici

Questo serve anche a far sviluppare nei giovani la vocazione al Sacerdozio. Ma quando vedono un Prete triste, svogliato, incapace a far tutto, pensano: "E' meglio che mi cerchi una donna, così mi serve. Chi me lo farebbe fare ad uscire così sporco?".

Ecco quel Pretino alla finestra che spazzola la veste: "Che bravo! Che bello fare il Prete!".

 

Ottimi pasticceri per le grandi Occasioni!

Il Prete è sempre uno di noi. Non è colui che vive solo di spirito, ma rimane uomo. Del resto Gesù viveva con i Suoi Apostoli, stava volentieri coi pescatori. Il Sacerdote deve essere colui che aiuta l'uomo in tutte le sue necessità, possibilmente anche in quelle materiali. Allora è ben voluto dalla gente, i suoi parrocchiani gli vogliono bene, e lui non si sente solo, ma è contento della scelta del suo stato, e infervora i giovani a lasciare il mondo per farsi Alter Christus.  

 

I Fondatori con alcuni dei loro figli in una delle prime Ordinazioni Sacerdotali

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Missione nelle Antille

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Enzo e Tiziana  Dardari - Fedelissimi amici e sostenitori dei Fondatori

 

 

 

Madre Provvidenza                                             Meditazioni per Sacerdoti

Home Page  / Preghiera del Seminarista  / e-mail

 

 

 

Comunica ad un amico questo sito

Free Tell A Friend from Bravenet
powered by Powered by Bravenet bravenet.com

This site is Anfy Enhanced